Your search results

Emergenza Coronavirus, come deve impostare la comunicazione un consulente immobiliare?

Postato da misterhouse il 4 Marzo 2016
| 0

L’emergenza Coronavirus ha negato agli agenti immobiliari un aspetto prezioso e fondamentale del proprio lavoro: il rapporto con le persone. Ma le strategie di marketing e comunicazione non possono e non devono fermarsi, perché un cliente o potenziale tale, deve sempre avvertire la presenza del proprio consulente immobiliare.

Pertanto, ci sono delle regole su cui basare la comunicazione, in questo periodo: un’attenzione maniacale su cosa poter dire e cosa invece non poter dire è di palese importanza. Dire qualcosa che rispecchi pur sempre la realtà, senza incorrere ovviamente in espressioni cupe e inaccurate, comunicando ciò che i clienti effettivamente vedono.

Il contenuto è quindi fondamentale, ora più che mai: offrire al cliente un vasto paniere di informazioni sul mondo immobiliare (come va il mercato, quali sono le prospettive, come e dove potersi informare più approfonditamente) sarà prezioso per il cliente, che soprattutto in questa emergenza, si sta ponendo numerose domande. Un’analisi ancora più accurata della sua zona di interesse è un’altra importante comunicazione da impostare con le persone, che in questo periodo, in cui c’è più tempo per stare in casa e dunque per potersi informare, vogliono risposte ancora più sicure e veloci.

Il linguaggio, la modalità e il contenuto, diventano l’asso portante di tutte le strategie di marketing e comunicazione del consulente immobiliare, che, se usate al meglio, potranno ritrovarsi più clienti fidelizzati, una volta terminata l’emergenza.

Diventa anche tu un consulente immobiliare

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata

Confronta immobili